Rieti 2000.it
Rieti 2000.it - IL PORTALE UFFICIALE DI RIETI E PROVINCIA

LAGHI

LAGO DEL SALTO
LAGO DEL TURANO
LAGO SCANDARELLO
LAGO DI RASCINO
FIUMI

FIUME VELINO
FIUME TURANO
FIUME SALTO
FIUME TEVERE
CANALE S. SUSANNA
FIUME FARFA
fonte Provincia di Rieti

 

fiume salto

 

Prima di immettersi nel fiume Velino scorre nel territorio della provincia fino all'abitato di Casette, frazione del Comune di Rieti.

Nonostante la portata idrica non sia sempre consistente, si può tuttavia registrare un'abbondante presenza di fauna ittica (trote) perché alcuni tratti, di particolare pregio ambientale, presentano condizioni idonee alla permanenza ed alla riproduzione di questi pesci.

Nei tratti particolarmente ricchi di microfauna fluviale necessaria per la loro alimentazione, notiamo una rilevante presenza di Trote per lo più frutto di immissioni.

Il fiume può essere suddiviso in due tronchi: uno immissario e l'altro emissario dell'omonimo lago.

Le fauna ittica dei primo tratto è tendenzialmente a ciprinidi mentre il secondo risulta popolato prevalentemente da Trote fario provenienti da riproduzione autonoma e da ripopolamenti effettuati dall'Amministrazione Provinciale.

Nell'intero corso l'attività di pesca è consentita a tutti coloro che sono in possesso di regolare licenza.

Le tecniche de di pesca prevalentemente in uso sono quelle "a scorrere" con o senza sugheretto.

Ai fini della classificazione, queste acque vengono considerate secondarie di categoria "A" quindi in esse è vietato l'uso del bigattino sia come esca sia come pasturazione.

Ricopre particolare importanza il fatto che l'intero corso del fiume è costeggiato dalla strada "Cicolana" consentendo cosi, ai molteplici pescasportivi interessati, un'ampia scelta del posto di pesca.


TRATTI DEL FIUME SALTO INTERESSATI DA PROVVEDIMENTI PARTICOLARI:

  • dal ponte Canale al ponte Utu (nei pressi dell'abitato di Grotti di Cittaducale) la pesca è consentita per l'intero anno nel rispetto dei periodi di chiusura e le misure minime pescabili per le singole specie. In dette acque è vietato l'uso del bigattino, come esci e come pasturazione, perché classificate secondarie cat. "A". Nel tratto in questione è possibile pescare bellissimi esemplari di Barbi e Cavedani,

  • dal ponte, Cocco a valle per km 1 nell'abitato di Grotti di Cittaducale è vietata la pesca a qualsiasi specie e con qualunque attrezzo.
PESCI

ALBORELLA
ANGUILLA
BARBO
CARASSIO
CARPA
CARPA ERBIVORA O AMUR
CAVEDANO
LUCCIO
PERSICO REALE
PERSICO TROTA
SAVETTA
SCARDOLA
TEMOLO
TINCA
TROTA FARIO